Skip to content

5 step per ottenere i tuoi clienti da sogno in poco tempo

Indice

Play Video

La serie video “Freelance alla Conquista del Mondo” di Dario Albini nasce qui a The Freelancer’s Island

Iscriviti al canale >

Una delle più grandi lezioni professionali che ho mai ricevuto è stata ad una conferenza tenuta da un ex studente Ied (l’Istituto Europeo di Design a Milano).

Questo ragazzo, poco dopo aver finito di studiare, aveva già iniziato a lavorare con i più grossi clienti del mercato. Ma come aveva fatto? Qual era il segreto per fare il salto da essere semplicemente bravo a diventare un professionista? Stavo cominciando a pensare che il punto non fosse tanto essere i più bravi, ma piuttosto avere i clienti giusti.

Poi il ragazzo mi tolse ogni dubbio. Durante la conferenza disse che la svolta nella sua carriera è stata quando ha fatto un lavoro per il suo primo cliente importante. Era palese che il segreto stava tutto lì. Fare quel passaggio di qualità consisteva nel trovare i clienti giusti.

Ma come si fa ad ottenerli? Quando glielo chiesi la sua risposta fu piuttosto deludente. Disse semplicemente che li aveva contattati, loro avevano risposto e da li hanno iniziato a lavorare insieme. 

Tutto qui? Il grande segreto era mandare una mail? Non ci credevo.

Ci ho impiegato anni per capire che effettivamente era così. Non c’era nessun segreto. L’unico modo per ottenere i clienti dei tuoi sogni è farsi conoscereE come fare a farsi conoscere? Contattandoli! Il cosiddetto Direct Marketing di cui avrai sicuramente sentito parlare. Se ha qualcosa da offrire o da vendere la prima cosa che devi fare è contattare il potenziale cliente

Adesso vediamo una strategia in 5 fasi per riuscire a contattare il tuo cliente ideale fin da subito.

 

1. Seleziona i clienti con cui vuoi lavorare

Per chi ha appena iniziato, il cliente ideale è quello che pagante. Col tempo si capisce che non è così semplice. Ci sono diversi livelli di qualità dei clienti. Quindi cerca di fare uno sforzo e immagina come potrebbe essere la tua vita professionale tra cinque anni. Cosa stai facendo? Per che cliente stai lavorano? A che tipo di progetti lavori? 

Una volta visualizzato il sogno crea una lista di clienti per cui vorreste lavorare. E se non ti viene in mente nessuno, cerca per quali clienti lavorano i tuoi idoli.

 

2. Preparati a modo

Una volta creata la lista, seleziona i lavori da mandare. Ogni cliente dovrà avere un portfolio su misura. Non puoi mandare lo stesso a tutti. Studia il cliente e i suoi lavori. In base a questi farai un portfolio dedicato a loro. Il portfolio è il tuo strumento di vendita, quindi preparalo di conseguenza.

 

3. Il contatto

Il prossimo passo è quindi contattare i clienti presenti nella lista. La mail di contatto deve aver tre caratteristiche.

  1. Deve essere il breve: dimostra che hai rispetto per il tempo altrui, quindi cerca di venire al punto nel minor numero di righe possibili.
  2. Deve essere personale: Fagli capire che lo hai scelto fra tanti. Dimostragli che sei veramente motivavo a lavorare con loro, che hai studiato un modo per potergli essere utile. Cerca inoltre di parlare con una persona in particolare, evita quindi di mandare mail agli info@.
  3. Deve essere chiara sul valore che genererà: in cosa gli sarai utile? Questo aspetto deve essere molto chiaro. Non scrivi per chiedere qualcosa ma per offrirla.
 

4. Rendi facile trasformare l’interesse in azione

Quale azione stai richiedendo al cliente? che sia un incontro di persona per approfondire la conoscenza, una Skype call o un caffè da prendere insieme, deve essere chiaro. Non basta dire chi sei e cosa fai. Chiarisci che cosa vuoi che il cliente faccia una volta ricevuta la mail per conoscerti meglio.

 

5. Prepara una strategia di follow up

E se non dovesse risponderti? vuol dire che hai fallito? Assolutamente no. Non ricevere una risposta è normalissimo. La cosa che puoi fare è preparare una strategia di follow up.

La percentuale di risposte a primo contatto solitamente si aggira tra il 2 e il 3 %. Ma con la mail di follow up il tasso di risposta può salire fino al 45 %

Una buona strategia di follow up può essere di ricontattare il cliente dopo massimo una settimana. Dovrai semplicemente chiedere se hanno avuto modo di guardare la tua email e se c’è qualcosa in cui potrai essergli utile. La mail di follow up deve essere estremamente breve.

E cosa fai se non dovesse rispondere neanche a questa? Continui. Mandi un’altra mail di follow up. In questo caso aspetta almeno un mese per evitare di essere invadente.

Per la terza email, potresti aggiornarlo su qualche novità che potrebbe interessargli. Ad esempio se hai lavorato a nuovi progetti potresti presentarglieli, o se hai migliorato il portfolio puoi approfittarne per inviargli quello aggiornato.

 

Conclusioni

Se vuoi ottenere qualcosa l’unico modo è quello di rimboccarti le maniche e andare a prendertela. Non ci sono scorciatoie. Questo è l’unico segreto. E non  farti demoralizzare da un paio di no. Vai avanti e provaci sempre. Perché “l’unico colpo che non andrà mai a segno, è quello che non tiri.

Se ti è piaciuto questo articolo, metti mi piace qui sotto!

Condividi il post

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Scrivi un commentO

Dario Albini

Dario Albini

Sono un art director freelance. Mi occupo di comunicazione strategica e visual design da 20+ anni. Ho fondato The Freelancer's Island, il primo coworking per creativi d'Italia e Atabaliba Studio, premiato studio di visual e web design. Sono stato presidente dell'Associazione Illustratori Italiana. Insegno all'Istituto Europeo di Design (IED). Aiuto i freelance a conquistare il mondo. www.darioalbini.com

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Iscriviti alla newsletter gratuita

Offerte, sconti e notizie sul coworking + consigli e tecniche per essere più produttivo

[[[["field8","equal_to","Postazione Coworking"]],[["show_fields","field9"],["hide_fields","field13,field14,field12,field11"],["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field8","equal_to","Sala Team"]],[["show_fields","field10"],["hide_fields","field13,field14,field12,field11"],["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field8","equal_to","Sala Riunioni"]],[["show_fields","field11"],["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field11","equal_to","Base"]],[["show_fields","field12"],["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field11","equal_to","Presentazione"]],[["show_fields","field14"],["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field11","equal_to","Workshop"]],[["show_fields","field13"],["show_fields","field20,field19"]],"and"],[[["field11","not_equal_to","Workshop"]],[["show_fields","field17,field18"],["hide_fields","field20,field19"]],"and"]]
1 Step 1
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right

Ti potrebbero interessare anche questi articoli

6 motivi per cui incontrare clienti in una sala riunioni di farà fare un figurone - the freelancer's island-coworking creativo milano isola
Coworking
The Freelancers Island

6 motivi per cui incontrare clienti in una Sala Riunioni ti farà fare un figurone

Che siate freelancer o una start-up vi sarà capitato di certo di dover incontrare un cliente. La domanda sorge spontanea, dove possiamo tenere la riunione? Se siete anche voi tra la maggior parte di freelance o start-up che lavorano in uno spazio coworking o se addirittura lavorate da casa, vi sarete travati di sicuro a porvi questa domanda. Il nostro consiglio è di optare per una Sala Riunioni.

Read More »
Prezzi dei Coworking a Milano - the freelancer's island-coworking creativo milano isola
Coworking
The Freelancers Island

Prezzi dei coworking a Milano

Come abbiamo già visto, il coworking è un fenomeno sempre più in voga tra i freelance e le start-up, e ultimamente anche tra le aziende di piccole e grandi dimensioni. Oltre ad offrire molti vantaggi sul piano lavorativo, i coworking sono anche spesso la soluzione più economica, grazie ai suoi prezzi particolarmente convenienti.

Read More »